SALATI, TORTE SALATE

Tartellette salate con uva arrostita

tartellette all'uva

tartellette all'uva
Mio nonno faceva (anche) il vino. Davanti e sul fianco della casa di campagna c’erano diversi filari di vite. Uva nera, varietà dolcetto (credo). In verità io della vendemmia non mi sono mai occupata e ne ho pochissimi ricordi. Forse perchè veniva fatta in settembre inoltrato, quando io ero già tornata a Torino per riprendere la scuola.
Ricordo solo le grandi ceste color bordeaux dove veniva raccolta l’uva e poi il torchio e i tini in cantina.
Quella di mio nonno era una cantina “vera”, di quelle con il pavimento di terra battuta e i mattoni a volta sul soffitto; un grosso portone di legno punzonato che si apriva con una chiave enorme e dentro un odore simile a quello del tappo delle bottoglie di vino appena stappate. Lì c’erano botti, damigiane, bottiglioni e una macchina azzurrina per tappare le bottiglie.
Un luogo affascinante che nella mia mente di bambina era assimilabile alla stiva di una nave o al covo di pirati. Un’avventura diversa ogni volta che mi capitava di scendere là sotto.
E proprio l’uva mi riporta alla ricetta di oggi, proposta dalle amiche di Recake 2.0. Tartellette salate ripiene di formaggio di capra e uva arrostita. Mai provata prima l’uva arrostita, ma è così buona che non riuscivo a smettere di mangiare acini ancora caldi, con quel sapore un po’ dolciastro e un po’ salato. Squisita!
tartellette all'uva
Per la ricetta ho seguito la locandina. Unica variante, ho usato la farina di tipo 2 al posto della 00.
banner
Con le dosi indicate vengono 4 tartellette giuste giuste. E molto buone! Un ‘idea antipasto o aperitivo davvero sfiziosa che stupirà i vostri ospiti. O anche una piacevole alternativa per il prnazo in ufficio (io l’ho fatto!).
tartellette all'uva
tartellette all'uva