Senza categoria

Muffin pere e cioccolato

muffin pere e cioccolato

muffin pere e cioccolato

Ed eccoli qua i miei muffin pere e cioccolato di compleanno. Ebbene sì, qualche giorno fa ho spento la mia ultima candelina con il “3” davanti e per festeggiare, invece della classica torta, mi sono preparata questi muffin golosissimi.
Pere e cioccolato li avevamo assaggiati insieme qualche settimana fa nel clafoutis. Del resto è un abbinamento che non delude mai, che non stufa mai e che è facile da replicare perché sono ingredienti che bene o male abbiamo sempre in casa in questa stagione.
La caratteristica di questa versione è la leggerezza – sono fatti con l’acqua – e l’assenza di burro: io ho usato del buon olio d’oliva, quello buono buono che ho scoperto al Frantoio Sommariva di Albenga e che ormai sto usando sempre più spesso nei miei dolci.

Ingredienti:

200 gr di farina di kamut
50 gr di cacao amaro in polvere
120 gr di zucchero semolato
50 gr di olio d’oliva
160 gr di acqua
30 gr di gocce di cioccolato
1 uovo
8 gr di lievito per dolci
1/2 cucchiaino di cannella

Procedimento:

In una ciotola amalgamate gli ingredienti secchi: farina, lievito setacciato, zucchero, cannella, cacao amaro e gocce di cioccolato.
Versate al centro l’uovo e iniziate ad amalgamarlo.
Unite l’olio e l’acqua fino a formare un impasto molto sodo.
Lavate le pere, sbucciatele, tagliatele a tocchetti e unitele all’impasto.
Se l’impasto è ben sodo, come deve essere, le pere non affonderanno in cottura.
Infornate a 170° per 20-25 minuti.

Si possono fare tante varianti sulla farina (ottime anche quelle di farro o riso), sul tipo di zucchero, sull’aggiunta di cioccolato in gocce o scaglie, sull’uso di latte al posto dell’acqua. L’unica cosa davvero importante per la buona riuscita di questi muffin è fare in modo che la consistenza dell’impasto sia molto soda, compatta, non liquida insomma. Questo perché così eviterete che durante la cottura le pere e le gocce di cioccolato affondino e si depositino sul pirottino.
muffin pere e cioccolato

Volete sapere se ho soffiato sulla candelina? Sì, l’ho fatto. Ho soffiato e ho espresso un desiderio, nella consapevolezza che la vita mi ha già regalato tanto, che i miei desideri più grandi sono già stati esauditi e che adesso è venuto il momento di dedicarmi serenamente alle “piccole cose”. Questo blog è una di quelle.