BISCOTTI, DOLCI, VARIAZIONI DI CIOCCOLATO

Baci di meringhe alla crema di nocciola

Io e le meringhe, un rapporto (finora) a distanza. Mi piacciono, ma ho sempre rimandato il momento di farle con le scuse più disparate: non ho voglia di tenere il forno acceso due-tre ore, non ho un libro che spieghi bene il procedimento, non mi capita spesso di avere esubero di albumi e fino a qualche mese fa – lo confesso – non avevo neanche il sac à poche.

Poi ho preso coraggio e ho iniziato dal tipo più difficile, quella italiana, quella con lo sciroppo di zucchero da versare a filo. Ed è andata bene! L’ho usata per fare una crema chiboust che è venuta buona da leccarsi le dita.

E siccome ieri sera avevo giusto due albumi in frigo in attesa di destinazione… perché non provare con la meringa francese?
Anche in questo caso mi sono “armata” dei consigli scientifici di Dario Bressanini, che in fatto di meringhe e non solo, sono sempre rassicuranti per me, e ho iniziato a montare gli albumi.
Risultato dopo due ore di asciugatura in forno e un briciolo di golosa farcitura? Questo!
foto 4

Il ripieno è la CremaNovi, crema spalmabile alla nocciola della Novi, che non avevo mai provato, non avevo neanche mai visto in giro e invece è davvero buona e soprattutto contiene solo i grassi naturali delle nocciole, senza olio di palma nè altri additivi. E non è poco. L’ho scoperta grazie alla mia amica Virginia de “Il gatto pasticcione” che oltre a cucinare benissimo sa anche fare bene la spesa, con un occhio attento alle etichette. I miei bimbi sentitamente ringraziano!
E per la cronaca non ho alcun accordo commerciale con la Novi, semplicemente ho scoperto un prodotto che ritengo valido e mi è sembrato giusto condividerlo con voi.
foto 2

Ingredienti:

70 gr di albume (pari a 2 uova)
70 gr di zucchero a velo
70 gr di zucchero semolato
succo di limone
crema spalmabile alla nocciola per farcire

Procedimento:

Utilizzate albumi a temperatura ambiente e assolutamente privi di tracce di tuorlo.
Iniziate a montarli con le fruste elettriche o in planetaria, aggiungendo a piacere un goccio di succo di limone.
Quando hanno quadruplicato il volume iniziate ad aggiungere un po’ per volta lo zucchero. La proporzione può variare da 1:1 a 1:2. Io ho scelto 1:2 per ottenere maggiore densità.
Continuate a montare gli albumi finchè la consistenza non sarà molto soda e l’aspetto lucido.
Inserite la montata in un sac à poche con bocchetta tonda liscia e formate dei circoletti di circa 3-4 cm.
Infornate a 90° per circa 2 ore. Con forno elettrico e ventilato non è necessario lasciare socchiuso lo sportello.
Lasciate raffreddare le meringhe in forno. Quando sono fredde, farcitele con mezzo cucchiaino scarso di crema alla nocciola e sovrapponete due pezzi per formare i baci.

Se vi piace questa ricetta prova anche i baci di dama e i baci di albicocca.