COLAZIONE E MERENDA, DOLCI

Torta di carote con frosting allo sciroppo d’acero

 

Altro mese, altra torta Re.cake 2.0!
Ammetto che questa volta la proposta dello staff mi ha lasciata inizialmente un po’ perplessa e indecisa perché non amo tantissimo le carote nelle torte (anche se recentemente ho fatto questa e non era affatto male) e perché il frosting era, per così dire, una bella mazzata calorica, che subito dopo Pasqua, con l’impegno di mettersi un po’ a dieta in vista dell’estate non era proprio consigliabilissimo.
Quindi… farla o non farla? Questo il dilemma…
Alla fine ho scelto di farla perché mi sono ripromessa di provarle tutte le torte Re-cake 2.0 e una promessa è una promessa, anche se l’hai fatta solo a te stessa.
Però, per zittire il senso di colpa che mi martellava le orecchie, ho pensato di farla in versione mignon, solo un quarto della dose indicata in locandina, senza apportare alcuna variazione.

Ecco, di questa scelta mi sono pentita appena l’ho assaggiata perché è davvero buona, ben equilibrata, con le carote che si sentono appena senza essere preponderanti, con le spezie che si fanno sentire il giusto e la nota dolce dell’ananas che arrotonda il boccone. Insomma, squisita.

Il frosting a mio giudizio è un po’ troppo burroso, ma mi incuriosiva per via dello sciroppo d’acero che adoro. Ne ho messo poco poco, troppo poco, talmente poco che la farcitura interna si intravede appena. Ma uno strato più spesso sarebbe stato eccessivo per i miei gusti.

E infine… le decorazioni. Mi sono ispirata a quella di Giulia per l’idea del contorno di frutta secca (io noci) e poi ho aggiunto una vela di caramello che è il risultato di infinite prove, consigli e confronti con altre partecipanti al gioco, video-tutorial e un paio di pentolini buttati. Ma ne è valsa la pena perché ho imparato una cosa nuova!